• Pubblicata il
  • Autore: Francesca Sorbello (Francy La Sicula)
  • Categoria: Racconti tradimenti
Calda serata in laguna - Genova Trasgressiva
  • Pubblicata il
  • Autore: Francesca Sorbello (Francy La Sicula)
  • Categoria: Racconti tradimenti

Calda serata in laguna - Genova Trasgressiva

Buongiorno, mi chiamo Francesca, sono Siciliana e ho 31 anni. Questa storia che mi successe tempo fa, e che voglio raccontarvi è vera.
Sono mora, occhi verdi, capelli lunghi e lisci. Sono alta 170 cm per 55 kilogrammi. Insomma, sono una bella stangona sicula. Ho una formazione lirica, iniziata all’età di sedici anni. Sono laureata in Canto Jazz al Conservatorio di Messina, ma per arrivare dove sono adesso ho dovuto fare delle scelte coraggiose. “Ricordo che quando iniziai a lavorare come estetista, con il mio primo stipendio ripresi le lezioni di canto, pop però, ho conosciuto molta gente di supporto, che mi hanno aiutata tantissimo. Due anni dopo decisi di lasciare il lavoro per dedicarmi esclusivamente al canto. Un giorno mi è capitato di vedere sui social la sponsorizzazione del Maestro Giliberto per il suo gruppo, mi sono presentata alle audizioni e mi hanno presa. Lì ho conosciuto persone meravigliose. Purtroppo, però, quell’esperienza si è interrotta, è stato davvero un peccato. Per fortuna mi è arrivato l'invito di un provino musicale e ho accettato senza pensarci due volte”. Ne parlai con il mio fidanzato. Lui mi disse che voleva accompagnarmi a tutti i costi. Gli dissi che non c'era bisogno di accompagnarmi, e dopo un periodo di polemiche mi permise di andarci da sola. Sinceramente a questi eventi ho sempre voluto andarci da sola, altrimenti non riesco ad essere a mio agio.
L'invito in questione era che una nota compagnia lirica cercava una cantante, perciò partii da Catania per raggiungere la Laguna. Li dovevo incontrare il direttore artistico, cioè l'impresario della compagnia . Un avvocato con la passione per lo spettacolo. È un uomo sulla cinquantina alto, brizzolato dagli occhi di un azzurro strano quasi grigio, bel tipo limpido e scherzoso come tutti i Veneti.
Arrivata nella laguna andai nell'hotel che avevo prenotato e mi misi a riposare un po'. Quando mi svegliai mi feci una doccia e mi preparai per la serata del provino. Preparai per l'occasione reggi e mutandine nere di pizzo, e un vestino che mi arrivava fino al ginocchio. Dipinsi le unghie delle belle mani e dei miei bei piedi numero 39 con un bel smalto rosso fuoco, e mi apprestai a raggiungere l’uscita. Per fortuna il provino si teneva a solo 2 chilometri da dove alloggiavo, quindi è stato facilissimo per me raggiungerlo.
Raggiunto il teatro erano circa le 19:00 dove dovevo tenere il provino, mi accolse una segretaria al quanto anziana, così registrato i miei dati mi fece andare ad accomodare nell’anticamera. Passarono circa 15 minuti, fin quando la tipa in questione mi chiamò: «Francesca , prego può entrare nella stanza numero 7. Mi alzai da dove ero seduta e raggiunsi la porta che la donna mi aveva appena indicato, entrai e c’erano tre persone sedute di lato di su di una scrivania.
Salutai tranquillamente: «Buonasera»
«Buonasera», mi risposero i tipi… che non mi toglievano gli occhi di dosso. «Beh, non le diciamo di presentarsi perché abbiamo visto il suo video online di presentazione più il curriculum, devo dire che ha una bella voce.
«Grazie» risposi entusiasta.
«Le chiediamo però di cantare un piccolo pezzo di Two hot Two tight.»
Feci un lungo sospiro, e acconsentii. Cantai in quel momento sentendomi libera. Mentre vedevo gli occhi di tutti e tre i giudici addosso a me, e notai anche il dottor di lato, che mi stava mangiando con gli occhi, squadrandomi dalla testa ai piedi.
Finito di cantare, dopo cinque secondi di silenzio, le persone presenti in quella sala, compreso il dott. , mi fecero un lungo applauso.
«Brava, non possiamo negare che ci hai entusiasmato, mi disse il tizio al centro.»
«Grazie» le risposi, la notizia le arriverà a breve tra questi giorni, dopo che finiamo il giro dei provini»
Sorrisi leggermente, speravo solo di aver fatto buona impressione.
Salutai, ed uscì dalla stanza, in quell’attimo mi senti chiamare. Era il Dottor .
«Salve, signorina Francesca complimenti» mi disse, tendendomi la mano.
Io gli porsi la mia, lui ma la baciò con sensuale galanteria, mentre alzava gli occhi per scrutare i mie esclamò: Incantato di tanta bellezza soave, inoltre ha una bella voce.
«Tentai di nascondere il mio imbarazzo misto a piacere»
Sorridendo, ed esclamando un solo: «Oh grazie.»
«Prego» mi disse lui. «Com’è stato il viaggio dalla Sicilia»
«Tranquillo, tutto sommato» risposi.
«Che ne dice se stasera, ceniamo insieme?»
A quella domanda mi bloccai per un attimo, avevo promesso al mio fidanzato che dopo il provino sarei ritornata nella mia stanza d’hotel e passare una serata con lui al telefono. È stata una di quelle rare volte che non sapevo che fare. Lui era quello che faceva girare tutto là dentro, se magari non avessi accettato l’invito sicuramente si sarebbe perso tutto quello per cui ho lottato da una vita.
In quell’attimo mi suonò il telefono all’interno della mia borsa che avevo preso dallo stanzino non appena ero uscita dal provino.
«Scusi un attimo dottore…» dissi, allontanandomi e rispondendo alla chiamata.
Era il mio fidanzato.
«Pronto ciao» le dissi.
«Ciao com’è andato il provino?»
«Sembra che sia andato tutto bene, sono rimasti entusiasti» le dissi.
«Allora ora vai in hotel?» mi disse.
«Senti…» le dissi «Qui mi hanno invitato a cena con tutti gli artisti che sono venuti a fare il provino, mi sembra brutto se non accetterei… Appena arrivò in hotel ci sentiamo, così metto anche il telefono in carica che ce l’ho scarico, ti va?»
«Va bene…» mi disse lui un po’ seccato.»
Salutai e staccai il telefono. Il dottor , era poco distante da me che aveva sentito tutto, e mi fece un corresponsabile occhiolino. Mi sentivo al quanto perplessa in quel momento, quando notai la fede nelle dita del dottore. E anche a lui in quel momento squillò il telefono, e capì che era la moglie. Anche lui inventò la solita scusa che farà tardi a casa per via del lavoro. Finito la telefonata, volli stuzzicarlo, imitandolo, perciò le feci anche io l’occhiolino.
«Cena nel ristorante in laguna» mi disse a bassa voce. «Aspettami nel retro, prendi le scale, c’è il retro del cortile che è sempre deserto, passero io a prenderti con la macchina.»
Feci come disse il dottore, presi le scale ed arrivai nel retro-cortile ad aspettarlo.
Passarono 10 minuti, e il dottore arrivò con la sua auto. Sgranai gli occhi quando constatai che si trattava di una Lamborghini Venano Roadster, che sicuramente era una delle più costose, perché avevo visto la sua pubblicità al tg nella rubrica motori insieme al mio fidanzato e costava oltre i 7, milioni di euro. Il mio fidanzato come auto ha una fiat palio e a confronto a quella del dott. non ne vale nemmeno la polvere.
Il dottore mi vede mi fa un cenno, e mi fa salire di fianco a lui.
Mi guarda con passione, e il suo occhi cade sulle mie gambe, e sui i miei piedini curati. Dicendomi che sono bellissima.
«Dove vuole che andiamo allora?» mi domanda il dottore, mentre ci allontaniamo da li.
«Non so dottore… non conosco la zona. Ci pensi lei.»
«Volentieri. Ci penso io, conosco un bel posticino.»
Sorrido, e acconsento.
«Ho letto il suo curriculum, lei è siciliana… di Catania, ma ha studiato a danza arte musica e spettacolo a Messina. Adoro la Sicilia, e le siciliane, siete calde e passionali.
Mi sento ancora una volta imbarazzata, io non dovevo essere lei, dovevo essere in albergo a parlare con il mio fidanzato. Eppure, invece sono qui, dentro questa auto, che sta sostando nel parcheggio di un grande hotel ristorante fuori Venezia.
«E lei, invece di dov’è?» le dissi «Veneto doc di Venezia?»
«Lombardo Veneto per l’esattezza… Padre Lombardo e Madre Veneta.»
«Lei, invece sicula doc?»
Io acconsenti sorridendo.
«Allora, calda e passionale come tutte le donne del sud.»
Sorrisi nuovamente, perché sinceramente non sapevo cosa dire. Era una situazione nuove, e del tutto assurda per me.
Arrivati vidi che, l’esterno era avvolto da torce infuocate che creavano un’aria al quanto piacevole. Entrammo nel ristorante, era davvero immenso, il locale a cinque stelle faceva da ristorante albergo e sala massaggi con piscine e sale svago, ottimo per le vacanze. Ci accomodammo ad un tavolo vicino alla finestra. L’interno semi buio mi aiutava a vedere un bellissimo cielo stellato con la luna che affacciava sul mare. Ordinammo da mangiare, primo, secondo e contorno, tutto a base di pesce e c’era tanto champagne. Al quinto bicchiere io ero già bella che brilla, anche se riuscivo a nasconderlo bene, contenendomi. Il dottore continuava a farmi i complenti, come fece per il resto della serata. Verso la fine sentì la sua sapiente mano, sfiorarmi le cosce, mentre tentava di salire più su cercando le mutandine. Io chiusi le gambe e gli levai la mano. Il dottore mi diede uno sguardo eccitato, e mi disse: «Ti aspetto su… nella mia stanza.»
Io le dissi: «No dottore la prego… non può chiedermi questo, forse ha capito male di me.»
«Ho capito molto bene invece. Non t’interessa se parleremo del tuo lavoro?»
In quell’istante non sapevo cosa dire, lui era una persona importante, aveva conoscenze ovunque, se avessi rifiutato di sicuro mi avrebbe rovinata, e di sicuro sputtanata con qualcuno.
Non dissi nulla, il dottore mi lasciò un foglio con sopra il codice, il numero e il piano della stanza, e lo vidi mentre prendeva l’ascensore.
Rimasi per un attimo a pensare, in quell’istante mi suonò il telefono. Era il mio fidanzato. Risposi.

«Ciao.»
«Ciao, come va? Sei ancora a cena con gli altri?» mi disse.
«Si certo, tra un po’ rientro in hotel e mi metto a dormire sono stanca, e ho il telefono che si sta scaricando» dissi, mentendo spudoratamente.
«Va bene, non preoccuparti, sono contento di averti sentito… Allora metti in carica in telefono e ci sentiremo domani quando sarai di ritorno. Buonanotte.»
«Buonanotte. A domani.»
Salutato il mio fidanzato. Sospirai, riguardai quel biglietto che mi aveva dato il dottore, mi alzai dal tavolo e presi l’ascensore. Raggiunsi il piano desiderato, trovai la porta, e digitai i numeri come scritto nel biglietto. La porta si aprì il dottore era in camicia, si era levato la giacca e la cravatta. Entrai e il dottore chiuse la porta, e mi prese la mano, e me la baciò sensualmente.
«Sapevo che saresti venuta da me» mi disse.
Inizio a baciarmi il collo sensualmente e con un po' di foga misurata di desiderio. Mi bacio le labbra e mi prese in braccio mettendomi sul letto. Si avvicinò a me, e mi guardò le gambe sollevandomi il vestito e baciò le mie cosce. Sentivo la sua bocca sulle mie gambe, e interno coscia che l’esploravano tutte, e sentivo anche la sua lingua sapiente, intenta a sostenere i miei mugolii di piacere.
Mi levò le scarpe, prese un piede tra le sue mani e me lo strinse, lo avvicino al suo petto leggermente villoso, e se lo portò tra le sue labbra baciandolo. Gemetti dal piacere e allo stesso tempo dallo stupore.
«La prego… dottore… io sono fidanzata, finiamola qui… la prego.»
Lui mi guardo eccitato fino ai massimi livelli, e mi disse: «Shhh rilassati… sei bellissima sei bella da impazzire… di sicuro se sei venuta qui da me il tuo fidanzato non riesce tanto a farti godere bene.
Rimasi in silenzio. Il dottore aveva ragione, mai il mio ragazzo mi aveva fatto eccitare così. Inoltre, il mio corpo mi tradiva alle emozioni, era già tutta bagnata.
Il dottore mi prese in bocca il mio alluce smaltato e me lo succhio avidamente.
Dicendomi: «Mm… sai proprio di Sicilia»
Gemetti come una cagna in calore…
«Umm dottore la prego così mi fai impazzire»
E quello che voglio, mi disse dopo aversi infilato tutto il piede nella mia bocca, per poi leccarmi tutta la coscia e sfilarmi le mie mutandine.
«Hai proprio una bella patatina siciliana sai…»
Me la leccò avidamente con la sua lingua esperta. Io godevo e mugolavo con non mai.
«Mi ecciti sai quando mugoli con il tuo accento siculo»
Mi fece alzare in piedi e mi levò il vestito.
«Che bel reggi nero… Ora voglio vedere le tue bocce.
«Me lo levi con grazie, la prego dottore.» dissi.
Troppo tardi ma lo aveva già strappato tutto, facendo venire la mia terza abbondante fuori.
«Che belle teton che hai Franci.»
Si avvicinò a me, infilò la testa sul mio seno leccandolo tutto, e succhiandomi i capezzoli, fino al mio sfinimento… non ne potevo più. Mi sentivo proprio una vera cagna sicula in calore.
Infilo interno un mio seno in bocca succhiandolo tutto.
Mi fece stendere sul letto e tirò fuori il suo grosso fallo, e mi disse alzati, prendimelo in bocca. Vediamo come te la cavi.
Mi avvicinai lo leccai e con la mano lo muovevo su è giù. Sinceramente era più grosso di quello del mio fidanzato. Lui me lo infilò’ in bocca dicendomi: «Apri bene, brava così.»
Mi sentivo quasi strozzare di quanto era grosso.
Finito, mi allargo le gambe, e me lo mise dentro…
Urlai alla disperata, mentre mi strizzava le tette, e lui mi cavalcava come una cavalla da monta.
Mi alzo le gambe, e mentre me lo metteva, succhiava e leccava avidamente i miei piedi. Quella posizione così, mi fece venire all’istante che schizzai… Con il mio fidanzato non avevo mai fatto prima uno squirting.
«Uhmm questa si che è una pioggerellina dorata sicula» disse il dottore ancora eccitato come un porco che non voleva altro.
«Girati, ora voglio vedere il tuo culo.»
«La prego dottore… li sono vergine… noo»
«Non te lo scoperò ti giuro»
Mi girai come aveva detto, accarezzò il mio culo, sentivo ancora caldi brividi quando me lo bacio e me lo lecco, e tra i due spazi ci sime la lingua.
«Voglio farti una domanda ora» mi disse il dottore. «Ti ha mai fatto godere così il tuo fidanzato?»
«Sinceramente no» le dissi.
«Ecco perché ho capito che avevi bisogno di svago, te lo leggo negli occhi. Oltre che voi siciliane siete le donne migliori.»
Finita la serata il dottore mi accompagnò nel mio hotel, e il mattino dopo ritornai a Catania. Nel pomeriggio vedo un messaggio sulla mia posta elettronica del dottor . Mi dice che vorrebbe approfondire la nostra conoscenza e farmi conoscere altra gente del mestiere.
Questa storia non la sa nessuno, tanto meno il mio ragazzo. Questo è il mio segreto, perciò chiedo il vostro aiuto nei commenti. Dite che devo ancora vedere il dottore e fare le cose che lui mi propone. Oppure raccontargli tutto al mio ragazzo?
Grazie.
Francesca S.

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
30/06/2021 21:38

Marco Trevisan

Bel racconto. insomma ha portato avanti la nostra bandiera facendoti capire che, con noi del nord non si scherza. Noi Veneti non siamo come quei frocetti siciliani del sud. E le sicianelle c’e’ li scopiamo bene

25/06/2021 10:24

Alberto Ballarin

Che storia eccitante. Lasciateli stare i vostri fidanzati finocchietti di sicilia e scopate con noi Veneti sempre duri. Vi lecchiamo ovunque siculine, bone donne mediterranee.

19/06/2021 10:23

Laura Siciliana (SR)

Mmmm matri mia si ! Che voglia ! Voi del nord siete veri amanti e ci fate impazzire !

19/06/2021 09:53

Adriano Peri - Dottore Venezia Nord -

Voglio baciare, leccare, e succhiare i piedi di donne siciliane !

19/06/2021 01:55

Corrado Bianchi

Bella storia vera complimenti Frensy. Voi donne siciliane siete le migliori donne calde del mondo. Mi piace quando tradite i vostri uomini con noi del nord.

14/06/2021 17:41

Anna Stella Peruzza (PALERMO)

Cavolo è vero... voi del nord siete i migliori farci godere e impazzire facendoci bagnare tutte. Non aspettiamo che venite in vacanza. Forza Lombardia e Veneto. Santa rosalia chi siti boni!

14/06/2021 17:36

Roberto Pedirin

Bellissima esperienza, voi donne siciliane siete caldi e passionali e avete bisogno di gente come noi del nord per farvi godere bene, altro che i vostri mariti o fidanzati siciliani. E sfatiamo il mito che al sud scopano meglio. Vi facciamo impazzire noi del nord bellezze sicule.

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati